Chiesa Madre

La chiesa matrice, dedicata a Maria SS. Assunta, fu ricostruita nel 1746 sull’area della precedente, probabilmente su disegni di Mauro Manieri.

Si presenta con il prospetto incompleto, privo del fastigio finale. La facciata, divisa in due ordini da una cornice marcapiano, è percorsa nell’ordine inferiore da sei lesene terminanti con capitelli finemente scolpiti, che racchiudono quattro nicchie conchigliate nei catini. Nell’ordine superiore altre quattro lesene prive di capitelli racchiudono due nicchie vuote e il finestrone centrale decorato con una ricca cornice.
L’interno, a croce latina, presenta sei cappelle ospitanti altari riccamente decorati, due dei quali attribuiti a Mauro Manieri, con pregevoli tele, tra cui si distingue quella della Vergine Immacolata con i SS. Francesco d’Assisi e Caterina da Siena, riconducibile alla mano del pittore gallipolino Gian Domenico Catalano. Nella navata sono collocati gli altari delle Anime del Purgatorio, dell’Immacolata e della Vergine del Rosario, a sinistra, del Cuore di Gesù, del Presepe e di Sant’Oronzo, a destra. Il transetto ospita poi altri due altari, dedicati all’Addolorata e al patrono San Vito martire. Nella zona absidale vi è la statua l’ignea dell’Assunta, opera dello scultore locale Oronzo Rossi.
La chiesa è sormontata da una cupola la cui superficie interna è decorata con motivi geometrici realizzati nel XX secolo. La lanterna superiore all’esterno è fiancheggiata da un alto campanile di cinque piani, sormontato da una cupoletta piramidale e fu portato a termine nel 1896 dall’architetto Russo di San Cesario di Lecce: l’ordine basamentale ed il primo piano sono riferibili al XVIII secolo e a disegni di Mauro ed Emanuele Manieri.